Il Quartetto  Caminar

Chi siamo

 

Home
Chi siamo
Repertorio
Prossimi spettacoli
Spettacoli
Contatti
Link
Foto
 

Lo que mas quiero

Violeta e Isabel Parra

El hombre que yo más quiero
en la sangre tiene hiel.
Me priva de su plumaje,
sabiendo que vá a llover,
sabiendo que va llover.

El árbol que yo más quiero,
tiene dura la razón.
Me priva de su fina sombra,
bajo los rayos del sol,
bajo los rayos del so.

El cielo que yo más quiero,
se ha comenzado a nublar.
Mis ojos de nada sirven,
los mata la osbcuridad,
los mata la obscuridad.

El rio que yo más quiero,
no se quiere detener.
Con el ruido de sus águas,
no escucha que tengo sed,
no escucha que tengo sed.

Sín abrigo, sín la sombra,
sín el água, sín la luz.
Sólo falta que un cuchillo,
me prive de la salud,
me prive de la salud.

Isabel e Violeta Parra

Isabel Parra

Quel che più amo

L'uomo che più amo
ha il fiele nel sangue.
Mi priva del suo riparo
pur sapendo che pioverà,
pur sapendo che pioverà.

L'albero che più amo
è duro di comprendonio:
mi priva della sua fresca ombra
sotto i raggi del sole,
sotto i raggi del sole.

Il cielo che più amo
si sta rannuvolando
i miei occhi sono inutili,
li ammazza il buio,
li ammazza il buio.

Il fiume che più amo
non riesce a trattenersi:
col rumore delle sue acque
non sente che ho sete,
non sente che ho sete

Senza riparo, senza ombra,
senz'acqua e senza luce,
manca solo che un coltello
mi privi della salute,
mi privi della salute.