Il Quartetto  Caminar

Chi siamo

 

Home
Chi siamo
Repertorio latinoamericano
Spettacoli
Repertorio milanese
Contatti
Link
Foto
 

La ballata del Cerutti


Giorgio Gaber 1960

Il suo nome era Cerutti Gino
Ma lo chiamavan Drago
Gli amici al bar del Giambellino
Dicevan che era un mago (era un mago)
Vent'anni, biondo, mai una lira
Per non passare guai
Fiutava intorno che aria tira
E non sgobbava mai
Il suo nome era Cerutti Gino
Ma lo chiamavan Drago
Gli amici al bar del Giambellino
Dicevan che era un mago (era un mago)
Una sera, in una strada scura
Occhio, c'e' una lambretta
Fingendo di non aver paura
Il Cerutti monta in fretta
Ma che rogna nera quella sera
Qualcuno vede e chiama
Veloce arriva la pantera
E lo beve, la madama
Il suo nome era Cerutti Gino
Ma lo chiamavan Drago
Gli amici al bar del Giambellino
Dicevan che era un mago (era un mago)
Ora triste e un poco manomesso
Si trova al terzo raggio
l che attende il suo processo
Forse vien fuori a Maggio
S' beccato un bel tre mesi il Gino
Ma il giudice stato buono
Gli ha fatto un lungo fervorino
uscito col condono
Il suo nome era Cerutti Gino
Ma lo chiamavan Drago
Gli amici al bar del Giambellino
Dicevan che era un mago (era un mago)
tornato al bar Cerutti Gino
E gli amici nel futuro
Quando parleran del Gino
Dirann che un tipo duro.